Qualche cenno storico sulla città di Viareggio | Carnevale di Viareggio

Carnevale di Viareggio 2018

27 4 - 11 - 13 - 17

Gennaio Febbraio

Qualche cenno storico sulla città di Viareggio

Mar 28, 2012 by

Qualche cenno storico sulla città di Viareggio

Senza indagare se Viareggio esistesse, o no, al tempo dei Romani, e se debba ad esso riferirsi il Fanum Herculis di Tolomeo, le prime notizie certe che ci rimangono della località, risalgono al 1171, quando i Lucchesi acquistarono le terre e i boschi che si stendevano da Montramito al mare, per ricostruirvi, con l’aiuto dei Genovesi, l’antica torre detta Castel del Bosco, stata distrutta dai Pisani l’anno precedente.

La nuova rocca e le terre circostanti furono causa di lunghe contese e sanguinose zuffe tra le due repubbliche rivali, e formarono  oggetto di arbitrato per parte dell’impe ratore Federico II, che, dopo aver composta la vertenza con reciproca soddisfazione, le dava  in possesso a Pagano Baldovini, cittadino lucchese, stabilito a Messina.

I successori di questi, le godettero per oltre mezzo secolo, finchè nel 1286 i Lucchesi  ottenero  il dominio di Viareggio e del suo distretto. Dopo l’abbandono di Motrone, apparve tutta l’importanza di questa località, che costituiva il solo porto rimasto alla Repubblica, ed il Senato Lucchese non mancò di prendere a cuore le sue sorti.

Nel 1534 fu costruita  la nuova grande Torre (Torre Matilde), e nella quale sono state le carceri giudiziarie, nel 1548 la parrocchiale di S.Pietro, ora dell’Annunziata, e la casa del Commissario; nel 1576 furono iniziati i primi lavori del porto, nel 1606 fu scavata la Darsena Vecchia, e infine, nel 1617 fu dichiarata la terra capoluogo di Vicaria.

La popolazione si mantenne sempre scarsissima, causa le  febbri malariche, e nel XVIII secolo era quasi abbandonata, non contando che 200 abitanti. Fu solo dopo i lavori idraulici, compiuti per conto della Repubblica dal bresciano Bernardino Zendrini nel 1740, tra cui le note ‘cateratte a bilico’ nella Fossa Burlamacca, ed il taglio dei boschi, che scomparve  il flagello della malaria.

S’andò agglomerando attorno al primitivo misero villaggio, un nucleo importante di popolazione.
Due donne furono benemerite di Viareggio nel XIX secolo: Elisa Bacciocchi e Maria Luisa di Borbone, quest’ultima la innalzava al grado di città nel 1823, ed ai benefici provvedimenti d’entrambe deve gran parte della prosperità attuale.

Nel 1847 passò insieme a Lucca ai Granduchi  di Toscana.

Condividi sui Social Network

Lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.